facebook facebook twitter twitter google plus google plus
Domenica, 16 ottobre 2016
Carlos Solito sarà ospite di Makeart dialogando con Mariablu Scaringella di parole, fotografia e dei colori bruciati di Puglia. Sciamenescià! L’evento, organizzato da Made in Blu in collaborazione con l'Associazione Lost & Found e Cooperativa Camera a Sud, è previsto per il 23 ottobre alle ore 19,00 presso Makeart in via Cardinale dell’Olio, 18 a Bisceglie.

Carlos Solito (fotografo, giornalista, scrittore, filmaker e pugliese di nascita), gira il mondo e lo racconta con la sua macchina fotografica ed il suo pc. Nel suo ultimo romanzo Sciamenescià pubblicato da Elliot edizioni, Carlos descrive un paese inventato, a metà tra Grottaglie ed il Texas, con tutte le caratteristiche dei paesi di Puglia, con il suo sole, i profumi e gli umori. Il parallelismo agisce da lente di ingrandimento evidenziando i contrasti tra le sue bellezze e le sue zone d’ombra. Che si tratti di paesaggi o personaggi poco importa: Carlos ne descrive ogni particolare come farebbe una spietata e incorreggibile Polaroid, facendoci entrare nelle storie, nelle vite e nei muretti a secco di un libro che profuma di vento. 


IL LIBRO "Sciamenescià", edito da Elliot è un romanzo corale ambientato in una Puglia lontana e insolita, che accompagna il lettore in un viaggio inaspettato. L’epicentro è El Paiso, paese immaginario di un Salento randagio e irriverente, un’indefinita zona di frontiera fatta di scorze pietrose, sole che non perdona, cori di cicale, venti a caro prezzo, case tinte con latte di calce, masserie che emergono come isole dal mare di ulivi, spiagge piene di storie, torri saracene dalle quali urlare ancora, colori che non scherzano, vertigini belle come orchidee e panorami che sanno di olio extravergine d’oliva, insomma buoni sempre, in ogni periodo dell’anno. Un trittico narrativo dal registro beat, istintivo, istantaneo, con nuance di humor e leggerezza, dove si alternano diversi protagonisti. Sciamenesciá, l’incitamento dialettale per antonomasia che invita a mettersi in movimento, è l’incipit di un viaggio tra le strade dell’anima e della geografia di una Puglia inedita. Il ritratto di scenari, persone e situazioni di una realtà che sa eternamente di controra, di limbo, di tempo lento, dove tutto ha il gusto dolce del dormiveglia. 

CARLOS SOLITO collabora con numerosi magazine e quotidiani nazionali realizzando reportage di viaggi e dirige spot pubblicitari, videoclip musicali e cortometraggi. Le sue fotografie sono state esposte in diversi paesi. Ha girato il mondo fin da giovanissimo e, per il suo “tachicardico” andirivieni, per la rivista Vanity Fair firma del blog di viaggi e incontri umani «Tachicardia». Collabora anche con La Repubblica, Il Messaggero, Rolling Stone, Credere, Bell’Italia, In Viaggio, Marcopolo, Partiamo, Viaggi de Il Sole 24 Ore, Traveller, Sport Week de La Gazzetta dello Sport, Oggi, Dove, Sette e Style de Il Corriere della Sera, Luoghi dell’Infinito dell’Avvenire e altri magazine italiani ed esteri di viaggi. Nel 2011 ha esposto nel padiglione Puglia della Biennale di Venezia e ha esordito nella regia con il cortometraggio Hirpinia, dopo il quale Franco Dragone, uno dei padri de Le Cirque du Soleil, gli ha prodotto il film Québec, my version presentato in anteprima mondiale a Montréal, in Canada. Il suo ultimo lavoro Mare d'Argento era tra i finalisti al Giffoni Film Festival. Diversi sono i libri (narrativa, fotografici e guide) pubblicati in Italia e all’estero per White Star, National Geographic, Mondadori, Elliot, Touring Club Italiano, Versante Sud, Giunti, Skira, Rizzoli, Sitcom/Marcopolo, San Paolo/Famiglia Cristiana, Editoriale Domus, Carsa, Massa, Adda, Besa e altri. Ha pubblicato reportage fotografici per i più importanti editori italiani: nel 2010 la raccolta di racconti "Il contrario del sole (Versante Sud, Milano); nel 2012, ha pubblicato "Montagne" ( Elliot) insieme a Dacia Maraini, Paolo Rumiz, Maurizio Maggiani, Franco Arminio, Andrea Bocconi e altri.
Martedì, 19 aprile 2016
Dopo l'enorme successo dell'estate 2015, l'associazione Lost & Found e la Pro Loco Turenum, organizzano una nuova "passeggiata fotografica" che si terrà nel pomeriggio di domenica 15 maggio 2016. L'iniziativa nasce con l'intento di condurre, attraverso un percorso raccontato e ideato da Andrea Moselli, un gruppo di appassionati alla ricerca di angoli e scorci poco conosciuti del centro storico di Trani, tra corti, giardini pensili, terrazzi, vicoli e molto altro. Cercheremo di farvi ammirare Trani da una prospettiva diversa.

I posti sono limitati. Per prenotarsi è necessario chiamare ai numeri 347.5054539 - 393.3757734 oppure scrivere a info@lostandfound2.it -turenum@prolocotrani.it. Per i non associati a Lost & Found e alla Pro Loco Turenum, il contributo di partecipazione è di 4 euro.

Non è necessaria alcuna particolare competenza fotografica o particolare fotocamera per partecipare. La passeggiata è aperta a chiunque, fotoamatori, appassionati o semplici curiosi.

Cliccando qui potrete trovare alcune foto della prima edizione.
Cliccando qui potrete trovare alcune foto della seconda edizione.
Cliccando qui potrete trovare alcune foto della terza edizione.

Lunedì, 16 novembre 2015
Il portale d'informazione tranese Traniviva, ha intervistato il nostro presidente Luca Palmieri. Una chiacchierata informale sulle attività passate, presenti e future di Lost & Found. Potete leggerla qui di seguito:

Da sinistra: Daniele Barraco, Vanna Acquaro (Dgtales), Luca Palmieri (Lost & Found)

Lost&Found è un'associazione che si occupa della promozione e della diffusione della cultura fotografica nel territorio tranese, di cui Luca Palmieri è presidente ormai da quattro anni. Tra le principali attività "Le passeggiate fotografiche" che si sono svolte durante l'appena trascorsa stagione estiva: vere e proprie passeggiate fotografiche all'interno dei centri storici di Trani (20 giugno, 12 luglio, 9 agosto) e Bisceglie (30 agosto), con l'obiettivo di osservare le città sotto una prospettiva inedita e diversa e consentire a tutti di scoprire e riscoprire le meraviglie della nostra terra. Ancora, il sito tranigram.it interamente dedicato alla città di Trani, fotografata questa volta non tradizionalmente con delle reflex, ma attraverso gli smartphone e l'utilizzo di Instagram, un sito dove tutti possono contribuire alla crescita del progetto, inviando le proprie foto e una mostra fotografica "Portraits" di Daniele Barraco, considerato ad oggi uno dei migliori ritrattisti italiani della contemporaneità. 

Com'è nata l'idea dell'associazione Lost&Found?
«È nata da una mia idea e di Nichi Di Corrado, fomentata esclusivamente dalla passione che entrambi avevamo e abbiamo per la fotografia». 

Le passeggiate fotografiche hanno avuto un grande successo? Erano solo passeggiate per addetti ai lavori?
«No, non erano passeggiate dedicate ai fotografi ma passeggiate nate con la voglia di riscoprire il nostro territorio e soprattutto quelle parti del nostro territorio che non sono molto conosciute, sia dai tranesi che non come per esempio i centri storici. Noi tranesi, per esempio, abbiamo un bellissimo centro storico che non tutti conoscono bene e soprattutto volevamo stimolare la voglia di guardare Trani con una prospettiva differente. Non abbiamo, in effetti, visitato i luoghi canonici e noti come la Cattedrale e il Castello Svevo ma abbiamo visitato luoghi meno noti, come le corti; abbiamo guardato Trani da alcune terrazze. Un'idea che nasce dalla mia volontà di rendere grazie ad una città che amo molto, la mia città, che forse in questo momento non vive uno dei suoi momenti migliori». 

Quali sono in questo momento i progetti che porta avanti Lost&Found?
«Sicuramente i corsi fotografici che ci servono per autofinanziare il progetto, ma preferisco piace porre l'accento sui progetti culturali che porto avanti con l'associazione. Per esempio mi piacerebbe prossimamente, con la collaborazione di un'altra associazione tranese, realizzare un progetto in cui la fotografia e il cinema si fondano proprio perché ci sono dei docu-film bellissimi come "Il Sale della Terra" che meritano di essere guardati, pertanto vorrei creare alcuni appuntamenti dedicati a questo. Porteremo in altre città le passeggiate fotografiche e continuiamo con i momenti di incontro fotografico, come per esempio alle saline di Margherita di Savoia». 

L'associazione ha realizzato un'importante mostra fotografica? Ne hai in progetto altre? 
«"Portraits" è una mostra a cui io tengo particolarmente perché è stata la mia unica esperienza dal punto di vista di curatela e organizzazione. Per me questa esibizione aveva un grosso valore, la mostra di un artista, Daniele Barraco, che non solo mi piace particolarmente ma che tramette con i suoi scatti un'emozione unica. Oggi Barraco fotografa esclusivamente celebrità e i sui scatti trovano spazio sulle riviste, patinate o meno. Parliamo di un fotografo che oggi è riconosciuto come uno dei migliori ritrattisti italiani. Si tratta di ritratti celebri del mondo dello spettacolo e della musica ma anche personaggi non note al grande pubblico. Per finanziare questa mostra abbiamo realizzato un workshop con l'autore ed è stata una bella esperienza. Mi piacerebbe organizzare una nuova mostra, ho anche un'idea ma te lo racconterò prossimamente». 

Per concludere?
«Lost&Found rappresenta pienamente la mia visione delle cose e della fotografia: il mio background è strettamente legato al mondo della comunicazione, non è di tipo artistico. Qualunque attività svolgiamo con la nostra associazione ci piace sia pratica, pregna di voglia di imparare qualcosa, non si tratta di arte. L'arte è più astratta, direi, quasi fumosa e non alla portata di tutti, bisogna avere gli strumenti adatti per comprendere l'arte. In giro ci sono molti pseudo-fotografi che magari sono sprovvisti di capacità tecniche e che per sopperire a questa mancanza si definiscono artisti. La fotografia e la musica viaggiano sulle stesse note: com'è possibile che un chitarrista possa esprimere ciò che ha dentro se non è in grado di suonare una chitarra? Come può un pittore esprimersi senza conoscere i colori e le tecniche? Come può un fotografo fermare un istante in una fotografia se non ha il controllo del mezzo? Si possono rompere le regole solo se si conoscono». Parola di Luca Palmieri.

Mercoledì, 2 settembre 2015

1) ILLUMINAZIONE E COMPOSIZIONE - domenica 4 ottobre 2015

Il workshop intensivo fornirà le nozioni teoriche fondamentali sul ritratto e la possibilità di poterle mettere in pratica sia su un set allestito in studio che in una location esterna. Sarà presente una modella per tutta la durata degli shooting. Il workshop è rivolto a fotoamatori che già abbiano conoscenza dei fondamenti della fotografia e vogliano perfezionarsi.

Il programma:
– Introduzione storica sul ritratto
– Il set e la sala pose
– Luce continua e luce flash
– Gestire la luce (schemi principali di illuminazione)
– Esterni (open flash e fill light)
– La composizione nel ritratto
– Gli autori


Il costo di questo workshop è di euro 85. Numero chiuso a 15 partecipanti.


2) LA POSTPRODUZIONE NEL RITRATTO - domenica 11 ottobre 2015

Il workshop intensivo in oggetto è rivolto a chi ha già una preparazione di base sull’uso della fotocamera e sull’utilizzo di software di postproduzione come Photoshop o Lightroom. Si consiglia vivamente di dotarsi di una fotocamera reflex o fotocamera con possibilità di regolazioni manuali e di un computer portatile al fine di ottenere un apprendimento ottimale delle tecniche fotografiche e di elaborazione dei file.

Il programma:
– Apertura del file in formato Raw
– Uso degli oggetti avanzati
– Organizzazione dell’area di lavoro e personalizzazione degli strumenti
– Analisi estetica dell’immagine
– Livelli e maschere
– Creazioni di livelli per la pulizia del viso e dei fondali
– Pennello correttivo
– Timbro clone
– Tecnica del Dodge & Burn
– Separazione delle frequenze– Utilizzo delle curve
– Conversione in bianco e nero

Il costo di questo workshop è di euro 85. Numero chiuso a 15 partecipanti.


La partecipazione ad entrambi i workshop permette uno sconto sui totali euro 170 a euro 140.

ISCRIZIONE E INFORMAZIONI: Potete telefonare al 347.5054539 (Luca Palmieri) o al 340.1219731 (Niki di Corrado), o scrivere al nostro indirizzo e-mail info@lostandfound2.it o tramite il nostro profilo FacebookSarà possibile iscriversi entro la data di inizio del corso salvo esaurimento dei posti disponibili.

Lunedì, 17 agosto 2015
Dopo il clamoroso successo a Trani, Lost & Found in collaborazione con l'associazione Puglia Scoperta, promuove e organizza una "passeggiata fotografica" che si terrà nel pomeriggio di domenica 30 agosto 2015. L'iniziativa nasce con l'intento di condurre, attraverso un percorso raccontato e ideato da Giovanni di Liddo, un gruppo di appassionati tra i vicoli del centro storico di Bisceglie, con l'intento di farvi ammirare la città da una prospettiva diversa.

Il raduno è previsto il 30 agosto per le ore 16:30, in piazza Regina Margherita di Savoia (nei pressi del Teatro Garibaldi). La partecipazione è gratuita. E' consigliabile prenotarsi chiamando ai numeri 347.5054539 - 347.8600455 oppure scrivendo a info@lostandfound2.it - pugliascoperta@libero.it 

Non è necessaria alcuna particolare competenza fotografica o particolare fotocamera per partecipare. La passeggiata è aperta a chiunque, fotoamatori, appassionati o semplici curiosi.


Foto di Daniele Pedone